SIMBIOSOFIA
PER IL SOCIALE E PER LA COMUNITA’

"Ogni sviluppo veramente umano significa sviluppo congiunto delle autonomie individuali, delle partecipazioni comunitarie e del sentimento di appartenenza alla specie umana" [E. Morin]

La mission che ci caratterizza da sempre viene esemplificata perfettamente dalla citazione di Edgar Morin. Simbiosofia vuole aiutare le persone a crescere, a realizzarsi, a stare meglio ma questo non è possibile senza considerare che le persone stesse sono fatte di relazioni, sono fatte nelle relazioni, sono fatte dalle relazioni. Queste stesse relazioni poi, definiscono, a loro volta, un campo culturale, un campo sociale, un campo geografico, uno spazio antropologico e psico-sociale che costituisce l’embrione in cui la soggettività nasce, cresce e si sviluppa.
Con estrema chiarezza Martin Heidegger ci ricorda che siamo da sempre esseri-con-gli-altri e allo stesso tempo siamo esseri-nel-mondo e che non possiamo pensarci, né vivere, come esseri-senza-gli-altri e come esseri-senza-un-mondo.
La trama dell’identità prende forma solo nell’intreccio della relazionalità sociale ed ambientale in cui la nostra storia si iscrive e può essere riscritta, rinnovata e migliorata ogni giorno.

Per questo crediamo fortemente nel counseling e più in generale nelle metodologie che si occupano di orientamento, valorizzazione e sviluppo della risorsa umana, sostegno e relazione d’aiuto nei confronti delle persone e delle comunità che manifestano bisogni in tal senso.

Nel nostro modo di intendere il counseling e la relazione d’aiuto sono protagonisti di inclusione sociale, cittadinanza attiva e sviluppo umano e la passione che da sempre anima il nostro lavoro si traduce nella costruzione di reti di intervento, reti di prossimità solidali ed in progetti che possano contribuire al benessere delle persone e delle comunità.

E' possibile consultare i nostri progetti nella Rivista Edita dall'Associazione culturale  "CENTRO STUDI SIMBIOSOFIA".

Scarica il numero 1_maggio 2017
Scarica il numero 2_ settembre 2017
Scarica il numero 3_marzo 2018